NEWs

12 novembre 2019

Il bando #Conciliamo è stato riaperto ed è una misura volta a sostenere la realizzazione di progetti di Welfare Aziendale, i quali consentano ai datori di lavoro di sviluppare azioni in favore ai propri lavoratori venendo incontro ai loro bisogni e a quelli delle loro famiglie. La dotazione finanziaria dell’Avviso è confermata in 74 milioni di euro, la durata delle azioni progettuali è fissata in 24 mesi.

La richiesta di finanziamento per ciascuna iniziativa progettuale deve essere compresa tra un minimo e un massimo di euro, variabili a seconda della dimensione del soggetto proponente. Varia anche la percentuale di cofinanziamento richiesto.

L’accesso è consentito a:

  • imprese con meno di 10 dipendenti, le quali potranno chiedere un finanziamento compreso fra euro 15.000 ed euro 50.000;
  • imprese con meno di 50 dipendenti, le quali potranno chiedere un finanziamento compreso fra euro 30.000  ed euro 100.000;
  • imprese con un numero di dipendenti che va dalle 50 alle 250 unità, le quali potranno chiedere un finanziamento compreso fra euro 100.000 ed euro 300.000;
  • Grandi imprese con più di 250 dipendenti, le quali potranno chiedere un finanziamento compreso tra un minimo di euro 250mila e un massimo di euro 1.500.000.

Il soggetto proponente deve contribuire ai costi del progetto con risorse finanziarie rispettivamente pari ad almeno il 10% , 15% , 20% e 30% del totale dell’importo richiesto ovvero con risorse umane, beni e servizi messi a disposizione dal soggetto proponente quantificabili nella percentuale suddetta.

Gli obiettivi del Bando sono:

  • crescita della natalità;
  • riequilibrio tra i carichi di cura tra uomini e donne;
  • incremento dell’occupazione femminile;
  • contrasto dell’abbandono degli anziani;
  • supporto della famiglia in presenza di componenti disabili;
  • tutela della salute.

Per accedere al finanziamento di cui al presente Avviso occorre presentare la domanda, a pena di irricevibilità, entro le ore 12,00 del 18 dicembre 2019, via PEC all’indirizzo: conciliamo@pec.governo.it.

Il Bando può rappresentare una grande opportunità per l’azienda, grazie ad esso si potranno inserire all’interno delle imprese Italiane delle politiche aziendali meritevoli e virtuose capaci di aumentare la produttività, migliorando il clima organizzativo e contribuendo al benessere dei lavoratori e della comunità.

Il Team WinJob è specializzato nella progettazione, implementazione, gestione ed erogazione di servizi di Corporate Wellness & Welfare Aziendale e potrà dunque supportarvi nella realizzazione del piano di Welfare Aziendale da inserire nella domanda di finanziamento.

(http://famiglia.governo.it/it/notizie/notizie/avvisi-e-bandi/nuovo-avviso-conciliamo/ link ove è possibile scaricare tutta la documentazione necessaria)

__________________________________________________________________________

05 novembre 2019

GLOBAL PLAN OF ACTION TO PROMOTE PHYSICAL ACTIVITY

With the publication of the first Global Plan of Action to Promote Physical Activity – More active people for a healthier world – the World Health Organization responds to the request of governments to have updated guidelines on effective policies to increase physical activity throughout the population and, especially, in groups most at risk of physical inactivity and sedentariness, such as adult and adolescent women. The WHO has, in fact, supported the desire of the various nations to have new guidelines that can improve the quantity and quality of physical activity among the entire population. The objectives are to build an increasingly active and healthy society as regular physical activity has been shown to help prevent non-communicable diseases (NCDs) including hypertension, overweight and obesity, as well as having a positive impact on mental health, quality of life and well-being.

https://apps.who.int/iris/bitstream/handle/10665/272722/9789241514187-eng.pdf

_________________________________________________________________________

15 ottobre 2019

INATTIVITA’ FISICA, VERA PANDEMIA…

Nella Regione europea dell’OMS l’inattività fisica è responsabile ogni anno di un milione di decessi (il 10% circa del totale) e di 8,3 milioni di anni persi al netto della disabilità (Disability adjusted life years, DALY).
Si stima che siano imputabili all’inattività fisica il 5% delle affezioni coronariche, il 7% dei casi di diabete di tipo 2, il 9% dei tumori al seno e il 10% dei tumori del colon. Inoltre, molti paesi della Regione hanno visto aumentare, negli ultimi decenni, le percentuali relative al numero di persone sovrappeso e obese. In 46 paesi (l’87% della Regione), oltre la metà degli adulti sono sovrappeso od obesi.

Interagire con il proprio ambiente attraverso le varie forme di movimento, a tutte le età, contribuisce in modo significativo a preservare lo stato di salute inteso, nell’accezione dell’OMS, come stato di benessere fisico, psichico e sociale.

Esiste un legame diretto tra la quantità di attività fisica e la speranza di vita, ragione per cui le popolazioni fisicamente più attive tendono a essere più longeve di quelle inattive.

http://www.salute.gov.it

_________________________________________________________________________

08 ottobre 2019

Il Dipartimento per le politiche della famiglia della Presidenza del Consiglio dei Ministri ha sospeso fino al 15 dicembre 2019 il bando #Conciliamo pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 206 del 3 settembre 2019, con il quale sono stati messi a disposizione 74 milioni di euro per il potenziamento, lo sviluppo e l’avvio di interventi di welfare aziendale . Nel provvedimento di sospensione si precisa che l’interruzione è dovuta alla necessità di individuare più precisamente i soggetti che possono proporre le domande di finanziamento, al fine di garantire pari opportunità alle imprese, assicurare la massima partecipazione all’iniziativa e il più ampio accesso alle risorse disponibili.

_________________________________________________________________________

01 ottobre 2019

#Conciliamo è una misura volta a sostenere la realizzazione di progetti di Welfare Aziendale i quali consentano ai datori di lavoro di sviluppare azioni in favore ai propri lavoratori venendo incontro ai loro bisogni e a quelli delle loro famiglie.  

Il bando è rivolto sia ad aziende intente a sviluppare o proseguire iniziative di welfare già avviate e sia a coloro che sono interessate a sviluppare nuovi progetti volti a:

  • incrementare la natalità;
  • riequilibrare i carichi di cura tra uomini e donne;
  • incrementare l’occupazione femminile;
  • contrastare dell’abbandono degli anziani;
  • supportare la famiglia in presenza di familiari disabili;
  • tutelare la salute.

In particolare, le attività che un’azienda può compiere per raggiungere gli obiettivi elencati sono:

  • introdurre i flexible benefits;
  • prevedere contributi economici o il rimborso delle spese sostenute per l’acquisto di servizi di baby sitting, per l’acquisto di prodotti per l’infanzia, per la frequenza di asili nido e/o scuole per l’infanzia, scuole primarie e secondarie o per i centri estivi o ricreativi o per i servizi di doposcuola per i figli dei dipendenti;
  • attribuzione di contributi economici o il rimborso delle spese sostenute per le spese di istruzione dei figli (libri di testo, viaggi studio, Università, Master, Scuole di specializzazione etc.) nonché per il trasporto scolastico;
  • introduzione di forme di sostegno economico per la copertura totale o parziale delle spese sanitarie dei dipendenti e delle loro famiglie;
  • creazione di asili nido aziendali;
  • istituzione di banche del tempo;
  • introduzione dello smart working;
  • previsione di incentivi economici alla natalità.

Possono presentare domanda di finanziamento le imprese aventi almeno 50 lavoratori e lavoratrici dipendenti a tempo indeterminato.  La richiesta di finanziamento per ciascuna iniziativa progettuale deve essere compresa tra un minimo di 500 mila euro e un massimo di 1,5 mln di euro. L’impresa deve contribuire al costo del progetto con un cofinanziamento pari ad almeno il 20% dell’importo totale richiesto. La domanda deve pervenire entro le ore 12 del 15 ottobre 2019.

Consulta e scarica il bando http://www.governo.it/it/articolo/bando-conciliamo/12685

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
search previous next tag category expand menu location phone mail time cart zoom edit close